Storia della Finlandia

Finlandia preistorica

finlandia_preistoricaLe origini della Finlandia ci propongono una terra completamente ricoperta da ghiaccio, non tanto diversa dalla Groenlandia di oggi. Man mano che i milleni avanzano nella storia, la folta coperta di ghiaccio rimane confinata nel suo nord più estremo.
Durante la fase finale dell?era glaciale, il Mar Baltico altro non era che un lago, dal quale durante i millenni si formarono le masse di terra dell?attuale Finlandia. Altre terre scomparvero, mentre altre ancora trasformarono alcune regioni della Finlandia, come avvenne in quella che oggi è conosciuta come la Terra del Laghi
Diverse richerche geologiche e archeologiche confermarono che le prime zone a tundra della vasta regione finlandese furono insediate da diversi animali primitivi come renne selvatiche e altri animali artici, compresi dei pesci. Questo portò i primi cacciatori e pescatori primitivi agli spostamenti umani verso la tundra pre-istorica finlandese.
Nelle regioni costiere del Mare Artico, all?estremo confine della Finlandia, sono stati rinvenuti i primi segni di attività umana in Finlandia. Grazie alla scoperta degli archeologi finlandesi, nel 1914 è stata infatti rinvenuta in Korpilahti ad Antrea (Carelia) una rete da pesca datata 8000 a.C. (cioè vecchia di oltre 10.000 anni); essa è oggi conosciuta come la rete da pesca di Antrea.
Successivamente tra l?8000 e il 5000 a.C. si diffuse nel territorio finlandese la cultura dei Suomusjärvi, così chiamata per i diversi ritrovamenti rinvenuti nell?area del sud Carelia. Questo popolo è noto per essere stato un cosidetto popolo di cacciatori-raccoglitori: oltre la caccia infatti essi si prestavano ai primi rudimentali concetti dell?agricoltura.
Intorno al 4200 a.C. altre culture apparirono in Finlandia, come la cultura Kunda. Diverse tracce suggeriscono anche il proliferare della cultura Narva, un popolo dedito alla produzione di vasi e terracotte, i cui insediamenti si concentravano in particolare nelle aree della Estonia e della Lituania odierne. Questi popoli possedevano dei tratti somatici di tipo mongolico.
Secondo diversi studi, le prime comunicazioni linguistiche finlandesi derivanti dal ceppo uralico hanno modo di dare origine alla lingua ugro-finnico che con il passare del tempo subì influenze dalle lingue baltiche (di tipo indoeuropeo), con eccezione della lingua sami ancora oggi considerata una lingua a se rispetto a quella finlandese.
Durante l?età del bronzo (1500-500 a.C.) e in particolare durante l?età del ferro (500 a. C.- 1150 d.C.) la Finlandia incominciò ad essere abitata in tutto il suo territorio. Dall?età della pietra, caratterizzata dalle prime rudimentali armi costruite con pietre e ossa, si passa all?Età del Ferro che porta a nuovi e progrediti arnesi di uso quotidiano.
Di questo periodo sono numerosi i siti archeologici ancora ben conservati in Finlandia, consigliamo in particolare una visita a quelli dell?Isola di Mietinsaari, di Kuivaketvele (Taipalsaari) e di Voisalmi in Lappeenranta (Lapponia).
È solo dal 100 a.C. che cominciò l'attività commerciale con l'Europa centrale, come testimoniano diversi ritrovamenti di origine romana rinvenuti in territorio finlandese.


Ultimi articoli

Argomenti correlati

Argomenti più letti

Voli economici per la Finlandia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...